Uganda: legge draconiana contro gli omosessuali

Dal 14 ottobre dell’anno scorso una proposta di legge discriminatoria contro gli omosessuali, avanzata dal MP David Bahati, è oggetto di discussione in parlamento in Uganda. 

Non pensiate che prima del 14 ottobre gli omosessuali avessero dei diritti in Uganda. La legge in vigore, infatti, penalizza gli atti omosessuali con una pena che arriva fino a 14 anni di prigione. La polizia può arrestare chiunque sia sospettato di aver commesso il ‘grave crimine’ e non sono rari i casi di persone detenute e torturate pervia dei loro orientamenti sessuali. L’essere tacciato di omosessualità o l’accusa di essere malato di HIV/AIDS sono strumenti usati anche durante le campagne elettorali per screditare gli avversari. Ne sono un esempio le accuse dirette a Olara Otunnu – ex-ufficiale delle Nazioni Unite rientrato di recente in Uganda, membro dell’opposizione e temibile avversario nelle prossime elezioni – che è stato diffamato con accuse che lo dipingevano come omosessuale, impotente e sposato ad una donna di razza bianca (il ritratto di tutto ciò che un candidato alla presidenza in Uganda non deve essere…). 

Purtroppo un’ampia maggioranza della popolazione ugandese crede che l’omosessualità vada criminalizzata, ed è opinione condivisa tra i cittadini, i politici e gli esponenti delle varie religioni che l’omosessualità sia un atto inumano da sradicare, infiltratosi in Uganda a causa dell’occidente che l’ha esportato e che recluta omosessuali nel Paese (riporto testualmente affermazioni fatte: http://www.huffingtonpost.com/ariel-rubin/ugandas-anti-homosexualit_b_397090.html).

La novità nella proposta di legge di Bahati riguarda la pena per coloro colpevoli di atti omosessuali che è portata da 14 anni all’ergastolo e, come se ciò non bastasse, prevede la pena di morte per coloro che commettono atti omosessuali con minori o se malati di HIV. Non è finita qui. La bozza stabilisce anche pene severe per coloro che sono a conoscenza di persone omosessuali e non le denunciano. Per esempio, ogni genitore che non denuncia alle autorità competenti la figlia lesbica o il figlio gay rischia multe salate e tre anni di carcere; lo stesso destino per gli insegnanti, mentre il padrone di casa che osasse affittare proprietà a sospetti omosessuali rischia fino a sette anni di prigione. 

La proposta di legge minaccia anche di punire o rovinare la reputazione di chiunque sia a favore della legalizzazione dell’omosessualità e di chi lavora per la protezione dei diritti delle minoranze sessuali, e nella categoria sono compresi medici e attivisti della società civile. 

Alla fine di dicembre, le Chiese cristiane in Uganda organizzate nel Uganda Joint Christian Council che comprende cattolici, protestanti, anglicani e pentecostali, si sono espressi fortemente a favore della legge. I leader religiosi si professano per definizione contrari alla pena di morte ed invitano a ridurre la pena capitale al carcere a vita. Tuttavia si trovano pienamente d’accordo con il punire gli omosessuali e identificare l’omosessualità come un peccato davanti a Dio e inaccettabile nella società. Da dicembre gli esponenti delle Chiese cristiane sono impegnati in una campagna contro chiunque protegga i gay e hanno apertamente criticato i governi occidentali che hanno espresso dissenso – tra cui gli Stati Uniti, la Francia, i Paesi Bassi, la Gran Bretagna e la Svezia che ha minacciato di sospendere gli aiuti economici – accusandoli di interferire con la sovranità dello stato (http://www.monitor.co.ug/News/National/-/688334/830478/-/wgmsue/-/index.htmlhttp://thepulpit.freedomblogging.com/tag/uganda-joint-christian-council/ ).

Eppure l’Uganda è tra i paesi che hanno ratificato le convenzioni internazionali per i diritti umani e non può, attraverso una legge nazionale, venire meno ai suoi obblighi.  

Non potrebbe, ma lo fa. Molto probabilmente la bozza diventerà legge nei prossimi mesi e includerà le modifiche alla pena capitale sancendo l’ergastolo. Il risultato non cambia, o di poco. In Uganda, come in molti altri paesi del continente africano, gli omosessuali saranno costretti a continuare a nascondersi, vivere l’amore nel silenzio, tacere ai propri genitori per timore di essere denunciati, ai propri amici per paura di essere traditi. Ma non inganneranno se stessi. Chi è omosessuale continuerà ad esserlo e si moltiplicheranno le relazioni clandestine. Perché non c’è legge che possa sradicare l’identità di una persona. E questo l’Uganda non l’ha ancora capito.

Per approfondire: http://www.hrw.org/en/news/2009/10/15/uganda-anti-homosexuality-bill-threatens-liberties-and-human-rights-defenders

© Claudia Giampietri and ClaudiaGiampietriBlog, 2007 – 2010. Unauthorized use and/or duplication of this material without express and written permission from this blog’s author and owner is strictly prohibited. Excerpts and links may be used, provided that full and clear credit is given to Claudia Giampietri and ClaudiaGiampietriBlog with appropriate and specific direction to the original content.

 

6 thoughts on “Uganda: legge draconiana contro gli omosessuali

  1. quanti sono in Uganda gli uomini e le donne non sposate?ci sono lesbiche e gay ,quindi persone
    che non avvertono la necessità dell’altro sesso.Oggi in Uganda sono tutti fuori della sociatà civile.L’organizzazione dello Stato e della stessa società rispondono completamente ad una organizzazione rigidache la politica deve tutelare.Certamente chi ha i mezzi economici può anche andar a vivere altrove,anche se non è poi così sicuro di trovare un’accoglienza che faciliti la vita.La vita familiare,nonostante tutte le proòliferazioni cellularidei vari gruppi,sostanzialmente
    si mantiene nel rapporto uomo donna che non può considerarsi perfetto,ma può caratterizzarsi per una armonia generata da strutture fisiche,mentali ,psicologiche,diverse ma bisognose di incontrarsi.Probabilmente le relazioni gay e lesbiche risolvono forti problemi rimossi,ma generano anche solidarietà di coppia avvertita con una intensità che crea nuovi equilibri

  2. Caro Alfredo,
    perché dici che “l’organizzazione dello Stato e della stessa società rispondono completamente ad una organizzazione rigida che la politica deve tutelare?“. Non credo che concedere il diritto di esistere e vivere la propria identità a persone omosessuali possa minare la struttura “imperfetta ma armoniosa” su cui si basa il rapporto uomo-donna e la società stessa.

  3. Cara Claudia quanto ho scritto vuole significare che la società Ugandese è organizzata in una determinata maniera che risponde alla cultura di quel popolo-almeno così leggo nella tua relazione-.Non affermo che gli omosessuali quali persone non abbiano diritto a vivere la loro vita alla pari di tutti gli altri Al termine della mia risposta dico il contrario e cerco di interpetrare
    il significato della loro vita quali essere umani.Con le leggi,attualmente in vigore in Uganda,certo si priva l’omosessuale del diritto nel vivere una vita che corrisponde alle proprie esigenze.E’ l’ordinamento statuale che interpetrerebbe o imporrebbe il tipo di vita familiare.Ti ringrazio per le osservazioni Alfredo

  4. Ciao Alfredo,
    grazie per il chiarimento. Ho evidentemente male interpretato l’affermazione finale.
    Un saluto

  5. Cara Rossella,

    in Uganda l’omosessualità è già un crimine e la pena esistente sono 14 anni di prigione. La nuova proposta è di aumentare la pena fino all’ergastolo o la pena di morte per chi commette atti omosessuali con minori e se affetti da HIV. Il presidente Museveni, sotto la pressione dei governi occidentale, ha di recente preso le distanze dalla proposta che prevede la pena di morte. E’ da vedere se votano l’ergastolo o se la legge non passa e rimane in vigore quella “vecchia” dei 14 anni.

    PS: una legge draconiana è un modo di dire che indica la durezza e la severità di una legge in questo caso quella sugli omosessuali. L’espressione si può usare in diversi contesti.

    Spero di avere risposto alla tua domanda :o)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s